Loading Events

« All Events

  • This event has passed.

Padova: Rally in solidarity with Palestine

April 13 @ 5:00 pm - 7:00 pm

Friday, 13 April
5:00 pm
Piazza Antenore
Padova, Italy
Facebook: https://www.facebook.com/events/183713062259074/

Stop the massacre of the Palestinian people!
Stop the occupation of Palestine!

The Great Return March, the Palestinian popular mobilization that started on 30 March and will continue until 15 May, has already been marked with blood by the Zionist occupation of Palestine attacking the right to return of all Palestinian refugees.

This peaceful march was met by the Zionist military with snipers, bullets and tear gas in the Gaza Strip, an open-air prison in which Palestinians have been under siege for 11 years. 30 Palestinians have been killed and over 2500 injured.

15 May 2018 marks the 70th anniversary of the declared foundation of the Israeli state, and of the Nakba, the catastrophe of the Palestinian people which has since then lived the experience of exile, theft of their land and Zionist apartheid.

This anniversary will be celebrated with great pomp by the transfer of the US embassy from Tel Aviv to Jerusalem following Trump’s recognition of it as the capital of Israel. This theft of Palestine’s historical capital and denying the Right to Return of the refugees in exile is another step in the Zionist colonial project, endorsing the ongoing ethnic cleansing of the Palestinian people. This shameful action attempts to legitimize the Israeli colonization project, the settlement of Palestine, and conceal the daily Israeli crimes against the Palestinian people. Amid international silence, Israel implements policies to enlarge colonial settlements, expropriate land and water, prevent the production of goods, block the free movement of people and goods with roadblocks and walls, arrest and detain in prison adults and children, demolish homes and murder those who resist the violence of the occupation. The colonizers call these crimes “the right to defend themselves” but in practice they represent “the right to occupy” and “the right to exterminate.”

The struggle of the Palestinian people against Zionism and for the liberation of their land is, therefore, a struggle against racism, colonialism and crimes against humanity, and it is a beacon for all oppressed peoples. Our solidarity with the Palestinian people leads us to denounce the economic, academic and military ties between the Italian and Israeli states. This will be marked this year with the launching of the Giro d’Italia cycle race from Israel. In fact, RCS and the organizers, on the mandate of Italian politics, have transformed a sporting event that should be a symbol of peace and brotherhood into a showcase of propaganda for the Zionist state to clean its hands of Palestinian blood before international public opinion.

Solidarity with the Palestinian people includes denouncing the interests that bind the Italian government to the Israeli one and therefore today we must mobilize on the occasion of the Giro d’Italia scheduled in Veneto to raise our solidarity with the Palestinian people and our opposition to the logics of war that unite the Italian and Israeli governments.

With the Palestinian people! Free Palestine! No to the start of the Giro d’Italia from Israel!

BASTA CON IL MASSACRO DEL POPOLO PALESTINESE
BASTA CON L’OCCUPAZIONE DELLA PALESTINA

E’ già macchiata di sangue la Marcia del Ritorno, la mobilitazione del Popolo Palestinese cominciata il 30 Marzo, Giornata della Terra, e che continuerà fino al 15 Maggio per chiedere la fine dell’occupazione sionista della Palestina e il Diritto al Ritorno di tutti i profughi palestinesi.
Una marcia pacifica a cui i militari sionisti hanno risposto con cecchini, pallottole e lacrimogeni: nella striscia di Gaza, un lager in cui i palestinesi vivono sotto assedio da 11 anni, sono stati uccisi 30 palestinesi e supera i 2500 il numero dei feriti.

Il 15 Maggio 2018 cade il 70° anniversario dalla fondazione unilaterale dello Stato di Israele, della Nakba, la catastrofe del Popolo Palestinese, che da allora vive l’esperienza dell’esilio, del furto della propria terra e dell’apartheid sionista.

Anniversario che verrà celebrato in pompa magna con il trasferimento dell’ambasciata statunitense da Tel Aviv a Gerusalemme in seguito al riconoscimento di Trump di quest’ultima come capitale di Israele. Questo, rubando ai palestinesi la loro capitale storica e negando il Diritto al Ritorno dei profughi in esilio, segna un passo avanti storico nel progetto sionista di colonizzazione e avvalla la pulizia etnica, in atto, del Popolo Palestinese. Questa scelta vergognosa legittima di fatto il progetto israeliano di colonizzazione/insediamento della Palestina e occulta i crimini che Israele quotidianamente commette contro la popolazione Palestinese. Nel silenzio dell’informazione internazionale, Israele attua politiche di ampliamento di colonie, espropria acqua e terra, impedisce la produzione di beni, il libero movimento delle persone e delle cose con blocchi e muri, arresta e trattiene in carcere, senza motivo, bambini e adulti, demolisce case e assassina chi si vuole opporre alle violenze dell’occupazione. Crimini che i colonizzatori chiamano “diritto a difendersi” mentre nella pratica si traducono nel “diritto ad occupare” e nel “diritto di sterminio”.

La lotta del Popolo Palestinese contro il sionismo e per la liberazione della loro terra è quindi una lotta contro il razzismo, il colonialismo e i crimini contro l’umanità e rappresenta un faro per tutti i popoli oppressi. La nostra solidarietà con il Popolo Palestinese ci porta a denunciare i legami che intercorrono tra lo Stato italiano e quello israeliano, fatti di accordi economici, accademici, militari. Interessi che quest’anno verranno celebrati con la partenza del Giro d’Italia da Israele. Infatti, RCS e gli altri organizzatori, su mandato della politica italiana, hanno trasformato una manifestazione sportiva, che dovrebbe essere simbolo di pace e fratellanza, in una vetrina di propaganda per lo Stato sionista per ripulirne le mani sporche di sangue palestinese di fronte all’opinione pubblica internazionale.

La solidarietà con il Popolo Palestinese passa per la denuncia degli interessi che legano il nostro governo con quello israeliano e quindi oggi significa mobilitarsi in occasione della tappa del Giro d’Italia prevista in Veneto portando i contenuti della solidarietà con il Popolo Palestinese e la contrarietà alle logiche di guerra che uniscono il governo italiano a quello israeliano

A fianco del popolo palestinese!
Palestina Libera!
No alla partenza del Giro d’Italia da Israele!

Comitato del Nord-Est Freniamo le ruote dell’occupazione!

Details

Date:
April 13
Time:
5:00 pm - 7:00 pm
Event Category:
Website:
https://www.facebook.com/events/183713062259074/

Venue

Piazza Antenore
Piazza Antenore
Padova, Italy
+ Google Map